enfrdeelitru

Storia antica




Storia di Cipro e civiltà

7000-3900 aC NEOLITICO: In Choirokitia e Kalavassos i resti del più antico insediamento noto a Cipro può essere visto. La civiltà che abitano Cipro durante questo periodo è stato diffuso in tutto le coste di tutta l'isola. Originariamente solo vasi di pietra sono stati utilizzati poi, dopo la 5th secolo aC, la ceramica è stato inventato.

3900-2500 aC Calcolitico ETA ': la maggior parte degli insediamenti Calcolitico si trovano nella parte occidentale di Cipro. Durante questo periodo il rame abbondante nell'isola comincia ad essere sfruttato e utilizzato.

2500-1050 aC BRONZO ETA ': Il rame abbondante a Cipro è stato ora più estesamente sfruttato e ora la principale fonte di ricchezza per l'isola. Commerciale si sviluppa con l'Egitto, il Vicino Oriente e l'Egeo. Micenei dalla Grecia è venuto a l'isola dopo la 14th secolo. Tra il 12th e dei secoli 11th aC molti achei greci sono continuamente arrivando a stabilirsi a Cipro. Con loro portano i loro costumi, la religione e la lingua greca. Costruiscono nuove città; Kition, Paphos, Salamina e Kourion, tra gli altri. Da questo punto in tempo l'isola di Cipro è d'ora in poi progressivamente diventando ellenizzato.

1050-750 aC periodo geometrico: Ci sono in questo frangente regni 10 sull'isola. I Fenici vengono a stabilirsi nella città di Kition (ora Larnaca). prosperità marcata era caratteristica durante il secolo aC 8th

750-325 aC arcaico e periodo classico: Anche se la prosperità che ha avuto inizio fiorente nel periodo geometrico continua, l'isola diventa vittima di numerosi conquistatori. Durante queste invasioni regni ciprioti fanno del loro meglio per preservare la loro indipendenza, ma alla fine cadono sotto il dominio di Egitto, Assiria e la Persia. Re Evagoras di Salamina (governato durante 411-374 aC) si ribella contro la Persia e per un po 'unifica l'isola. Ma, dopo una grande assedio, è costretto a fare termini di pace con la Persia e perde di conseguenza il controllo su tutta l'isola.

333-325 aC: Cipro diventa parte dell'impero di Alessandro Magno, quando conquista la Persia.

325-58 aC periodo ellenistico: Dopo una serie di lotte interne tra i generali di Alessandro Magno, Cipro arriva finalmente sotto lo stato ellenico della Tolomeo d'Egitto e d'ora in poi appartiene al greco alessandrina. La capitale diventa Paphos, Cipro e fiorisce in questo periodo.

58 aC - 330 dC PERIODO ROMANO: Cipro diventa una parte dell'Impero Romano. In primo luogo si tratta infatti di provincia siriana, e poi diventa una provincia separata sotto un proconsole. Il proconsul- Sergio Paolo è convertito al cristianesimo dagli Apostoli San Paolo e San Barnaba durante i loro viaggi missionari, con conseguente a Cipro diventando il primo paese al mondo ad essere governato da un cristiano. Tra 1st secolo aC e 1st secolo dC terremoti massicce causano grande distruzione che richiede la ricostruzione della città. Sia la ribellione degli ebrei che abitavano in Salamina 116 dC e la peste avvenuta nel 164 dC ha causato grande perdita di vite umane. In 313 dC l'Editto di Milano garantisce la libertà di culto ai cristiani. In 325 dC vescovi cipriote partecipano al Primo Concilio Ecumenico di Nicea convocato da San Costantino il Grande.

330-1191 AD periodo bizantino: L'impero romano si divide in due parti. Cipro è sotto l'impero bizantino, che era quello che in Grecia l'Impero Romano d'Oriente è stato chiamato, con Costantinopoli come capitale. Secondo la tradizione, S. Elena, la madre di San Costantino il Grande, si fermò a Cipro nel suo viaggio dalla Terra Santa con pezzi di Santa Croce e fondò il Monastero di Stavrovouni (che si trova ancora oggi e che ha un pezzo di Santa croce in santuario per il pubblico per venerare). Nel 4th secolo diversi terremoti distruggono le principali città. Questa distruzione partorisce nuove città e Constantia è ora la capitale dell'isola. Dal 4th-5th secolo grandi basiliche sono costruiti. Dopo la tomba di San Barnaba si trova nella 488, l'imperatore Zenone concede l'Arcivescovo di Cipro piena autonomia e privilegi tra cui indossa un mantello di porpora, uno scettro invece di un bastone pastorale, e la firma in inchiostro rosso. Così, Cipro è ora una Chiesa autocefala. Gli arabi, guidati da Muawiya, invadono l'isola in 647. In 688 imperatore Giustiniano II e Califfo Malik firmare un trattato di rendering di Cipro come neutrale, anche se ci sono stati segnalati violazioni di questo accordo. Cipro è stata spesso attaccata dai pirati fino 965 quando l'imperatore Niceforo Fokas cacciato gli arabi dall'Asia Minore e Cipro.

1191-1192 AD Riccardo Cuor di Leone EI TEMPLARI: Isacco Comneno, l'auto proclamato governatore di Cipro, è maleducato ai sopravvissuti di un naufragio. Questa nave faceva parte della flotta di uno Riccardo I nel suo cammino verso la Terza Crociata. Richard rovescia Isaac, prendendo possesso di Cipro e, successivamente, si sposa Berengaria di Navarree a Limassol su dove viene incoronata regina d'Inghilterra. Poi, Richard vende Cipro ai Templari per la somma di dinari 100,000. A loro volta, vendono l'isola per uno dei crociati, Guy de Lusignan, per lo stesso prezzo.

1192- 1489 AD FRANCHI (LUSIGNAN) PERIODO: La Chiesa cattolica sostituisce ufficialmente la Chiesa greco-ortodossa, anche se riesce a continuare ad esistere. Cipro è ora regolato in base al sistema feudale. Molti splendidi edifici gotici sono stati costruiti in questo periodo tra cui Cattedrale di San Nicola a Famagosta, Bellapais Abbey e l'imponente Santa Sofia Catherdral a Nicosia. La città di Famagosta diventa una delle città più ricche nel Vicino Oriente. Nicosia diventa la nuova capitale dell'isola e la sede dei Re Lusignano. L'ultima regina dei Lusignano, Caterina Cornaro, cede Cipro a Venezia nel 1489, ponendo fine alla dinastia dei Lusignano.

1489-1571 AD periodo veneziano: Cipro è visto dai veneziani come ultimo baluardo difensivo contro gli Ottomani nel Mediterraneo. Fortificano l'isola abbattere vari edifici della capitale, Nicosia, per racchiudere la città in una piccola area difesa da rocche e un fossato. Gli sforzi tangibili dei veneziani sono oggi visibili in piedi. Inoltre hanno costruito imponenti mura intorno alla città di Famagosta, che anche visibile ancora oggi.

1571-1878 AD periodo ottomano: In 1570 l'esercito ottomano attacca Cipro, catturare la capitale e massacrare la popolazione forte 20,000. Hanno posto Famagosta sotto assedio per un anno intero. Marc Antonio Bragadin, il comandante veneziano, mette su una difesa coraggiosa, ma alla fine capitola al comandante ottomano Lala Mustafa. Il comandante pouf in un primo momento li lascia andare, ma poi ordina alla botte, il disegno e vengono eseguiti acquartieramento del comandante veneziano Bragadin e il resto. Al momento l'annessione di Cipro presso l'Impero Ottomano, il clero latino sono o espulsi o convertiti all'Islam. Sorprendentemente la fede greco-ortodossa viene ripristinato. Come capo della Chiesa autocefala di Cipro greco-ortodossa, l'arcivescovo diventa il loro rappresentante alla Porta. 1821 vede la guerra d'indipendenza greca dagli Ottomani, durante le quali vengono eseguiti l'allora arcivescovo di Cipro, Kyprianos, tre vescovi e centinaia di leader civili.

1878-1960 periodo britannico: la Gran Bretagna assume l'amministrazione dell'isola ai sensi della convenzione 1878 Cipro che rimane ancora parte dell'Impero Ottomano. Tuttavia, in 1914 Bretagna annette Cipro dopo i lati Impero Ottomano con la Germania nella prima guerra mondiale. In 1923, in virtù del trattato di Losanna, la Turchia perde ogni pretesa di Cipro e in 1925 l'isola è dichiarata una colonia della corona. Durante i volontari ciprioti seconda guerra mondiale servono nelle Forze Armate britanniche. Gli inglesi considerano Cipro geograficamente importante strategica, che è il motivo per cui non concedono Cipro il diritto di auto-determinazione, nonostante la concessione di questo diritto ad altri paesi dopo la guerra. Tra 1955 e 1959 ciprioti presero una lotta armata di liberazione per l'indipendenza dopo che tutti i tentativi di soluzione pacifica sono stati esauriti.

1960 REPUBBLICA DI CIPRO: A seguito del trattato di Zurigo-London, Cipro diventa una repubblica indipendente agosto 16th 1960. Si tratta di un membro del Consiglio d'Europa, del Commonwealth, le Nazioni Unite e il Movimento dei Paesi Non Allineati. Una disposizione del Trattato di Zurigo-Londra è che la Gran Bretagna mantiene due basi sovrano sull'isola a Dhekelia e in Akrotiri-Episkopi. La Costituzione 1960 della Repubblica di Cipro dimostra di essere non praticabile nella maggior parte delle sue disposizioni. In 1963 il Presidente della Repubblica, l'arcivescovo Makarios, ha proposto una serie di emendamenti per facilitare il corretto funzionamento dello Stato, ma la comunità turca ha reagito a questo con una ribellione (Dicembre 1963). I ministri turchi successivamente ritirati dal cabinet ed i turchi funzionari hanno smesso di funzionare e la Turchia hanno minacciato di invadere Cipro. Da allora, l'obiettivo della leadership turco-cipriota, agendo su ordine del governo turco, è stato il partizionamento di Cipro e l'annessione di esso da parte della Turchia. Nel mese di luglio 1974 un colpo di stato va in scena a Cipro da parte della giunta militare che era al potere in Grecia per il rovesciamento del presidente Makarios. Sul 20th luglio 1974, la Turchia invade Cipro con le truppe 40,000 contro una Cipro indifesi e ignari. Dal 1974, 37% dell'isola è sotto occupazione militare turca. 200,000 greco-ciprioti (40% della popolazione greco-cipriota), sono stati costretti a lasciare le loro case nella zona occupata del Nord e divennero rifugiati durante la notte. L'invasione turca e l'occupazione di 37% del territorio dell'isola, nonché la violazione continua dei diritti umani fondamentali del ciprioti sono stati condannati da parte dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite, del Commonwealth, il Consiglio d'Europa e del Movimento dei Paesi Non Allineati.

ERA MODERNA: Cipro fa parte dell'Unione europea, divenuto un membro di 2004. Ha adottato l'euro nel gennaio 1st 2008 come moneta, in sostituzione della sterlina cipriota che era in uso per decenni.

Cipro I monumenti

Siti e Monumenti